18 May Arte, storia e cultura… 5 musei da non perdere a Perugia

Perugia è famosa per la sua bellissima Piazza IV Novembre con la Fontana Maggiore, per i suoi grandi eventi e per la cioccolata. Oggi vogliamo farvi scoprire la sua ricchissima offerta culturale attraverso l’elenco di 5 musei imperdibili nella città.

 

Si trovano tutti nel centro storico e accontentano ogni gusto. Dall’archeologia all’arte moderna, siamo sicuri che troverete il museo fatto per voi! 

  • Galleria Nazionale dell’Umbria

La Galleria Nazionale conserva la maggiore raccolta di opere dell’arte Umbra ed alcune tra le più significative opere dell’arte dell’Italia centrale, dal XII al XIX secolo. Le collezioni sono ospitate dal 1878 ai piani superiori di Palazzo dei Priori. La varietà delle opere è il punto forte della Galleria. Troverete dei dipinti su tavola, su tela e murali, delle sculture in legno e in pietra, delle oreficerie e tessuti. Il prestigio della raccolta, ordinata in rigorosa sequenza cronologica, è testimoniata dalla presenza di alcuni capolavori del Medioevo e del Rinascimento con opere di Arnolfo di Cambio, di Nicola e Giovanni Pisano, Beato Angelico e Piero della Francesca, Francesco di Giorgio Martini. Ampio spazio è riservato agli artisti umbri Benedetto Bonfigli, Bartolomeo Caporali, Fiorenzo di Lorenzo e in particolare ai celebri dipinti del Perugino e di Pinturicchio. Sito 

  • Museo Archeologico Nazionale dell’Umbria – MANU

Dal 1948 nella bellissima location del convento di San Domenico si trova il Museo Archeologico Nazionale del’Umbria, realizzato a partire dalla fine del XVIII secolo grazie a donazioni ed acquisizioni di oggetti provenienti da scavi effettuati in gran parte nella regione.L’allestimento ha un’impostazione cronologica (dalla preistoria all’età romana) affiancata da sale che ospitano nuclei di materiali esposti con criteri tematici (il lapidario, la sala delle oreficerie, gli amuleti) o con l’obiettivo di ricostruire un contesto (la tomba Cutu). L’esposizione dei materiali è provvista di un ampio corredo informativo, con testi, immagini e disegni ricostruttivi che aiutano il visitatore a collocare gli oggetti nel loro contesto storico. Sito

  • Museo Capitolare di San Lorenzo

Istituito nel 1923 e collocato all’interno del chiostro della Cattedrale di San Lorenzo (principale Cattedrale della città, si trova in Piazza IV Novembre), il museo riunisce opere di varia tipologia che testimoniano l’intensa attività artistica svolta a Perugia per il Duomo della città. Il Museo conserva una importante raccolta di manoscritti che coprono un arco temporale compreso tra il VI secolo dopo Cristo fino al Quattrocento e, solo per citare i più importanti, dipinti di Agnolo Gaddi (Firenze, doc. 1369 – 1396), di Benedetto Bonfigli (Perugia, 1420 – 1496), Bartolomeo Caporali (Perugia, 1420 – 1505) e l’unica opera di Luca Signorelli ( Cortona, 1445/50 – 1523) presente in città, la Pala di S. Onofrio (1484). Da segnalare la tavola di Luca Signorelli (1484) raffigurante “La Madonna con il bambino tra i santi”, la ricomposizione dell’altare della Pietà di Agostino di Duccio (1473). Sito

  • Pozzo Etrusco

Si scende in profondità! Il Pozzo Etrusco, noto anche come Pozzo Sorbello dal nome della famiglia che possedeva il palazzo antistante, si trova nel centro storico della città. Al pozzo si accede da Piazza Danti n.18, attraverso un passaggio coperto e uno stretto cortile che conduce ai sotterranei del Palazzo Sorbello. Il monumento è una eccezionale opera di ingegneria idraulica, databile alla seconda metà del III secolo a.C. che testimonia l’elevato grado di civiltà raggiunto dalla comunità perugina in quell’epoca. È stato oggetto di esplorazione speleo-archeologica per la prima volta nel 1965, fino alla profondità di 37 mt. sotto il livello del suolo con dimensioni fino a 12 mt. diametro 5,60 m. fino al restringimento di 3 m. Il pozzo può contenere 424 mc di acqua sgorgante da 3 polle in direzione degli strati di argilla nel terreno. Nel 1996 è stato vuotato dell’acqua presente per essere rilevato e fotografato. Sulla base del rivestimento sono leggibili segni alfabetici, analoghi a quelli che si trovano incisi in alcuni blocchi inseriti nelle mura della città. Orari

  • Palazzo della Penna – Centro di Cultura Contemporanea

Residenza gentilizia cinquecentesca, sorta sui resti di un anfiteatro d’epoca romana, al suo interno è ospitato fin dal 2002 un ricco patrimonio di opere d’arte, tra cui spiccano la “Raccolta Gerardo Dottori”, dedicata al maestro futurista umbro, e le sei lavagne della “Raccolta Joseph Beuys”, realizzate a Perugia dal grande artista tedesco nel 1980. Palazzo della Penna è oggi un vero e proprio “Centro di cultura contemporanea”, spazio poliedrico e vitale in cui si svolgono esposizioni temporanee, incontri letterari e molteplici altre attività culturali. Il  caffè gourmet – il BIOǾ- dotato di copertura wireless è apprezzato anche dai perugina alla ricerca di un momento di relax. Pagina Facebook