12 Lug 5 mostre da non perdere a Perugia e dintorni

La tua estate in Umbria nel segno dell’arte! 5 mostre a Perugia da non perdere per viversi il capoluogo umbro riempiendosi gli occhi di bellezza.

1. La regina di questa estate perugina: la Madonna Benois di Leonardo da Vinci, proveniente dalla collezione del museo Ermitage di San Pietroburgo in occasione del cinquecentenario leonardiano ospite alla Galleria Nazionale dell’Umbria. Il capolavoro è databile tra il 1478 e il 1482 anni in cui il suo autore, aveva poco meno di 20 anni e si esercitava nella bottega del maestro Verrocchio, lavorando fianco a fianco con l’amico e collega Piero Vannucci, in arte Perugino. La mostra si focalizza proprio su questo parallelismo tra 2 artisti tanto simili quanto diversi. Ma è bene affrettarsi, la mostra sarà visitabile fino al 4 agosto!

2. Come ogni estate, in occasione di Umbria Jazz, la Galleria Nazionale dell’Umbria, dà il proprio contributo alla rassegna musicale organizzando una mostra dedicata al Jazz e ai suoi artisti per il progetto Jazz goes to the museum. Quest’anno è il turno di Closed session by Jimmy Katz, una raccolta di 94 immagini opera del grande fotografo americano che ha ritratto numerosi artisti Jazz cogliendoli in momenti di intimità coi loro strumenti, in studio, nei club di New York o nelle strade. La mostra è visitabile fino al 1 settembre.

3. Per chi ama l’universo visionario di Federico Fellini c’è La pista dei Sogni al museo civico di Palazzo della Penna. Una mostra che intreccia il mondo del cinema con quello del circo in quel connubio onirico che è tipicamente felliniano. Un viaggio attraverso oggetti, disegni e costumi di scena provenienti dalle collezioni private dei collaboratori del maestro riminese, come l’artista Giuliano Geleng. La mostra resterà aperta fino all’8 settembre 2019.

4. Unforgettable Umbria a Palazzo Baldeschi, in pieno centro storico a Perugia. La mostra raccoglie le opere di grandi artisti internazionali che nel corso del ‘900 hanno scelto l’Umbria come contesto in cui lasciarsi ispirare e vivere per una stagione o per una vita intera. Alighiero Boetti, Giuseppe Capogrossi, Sol LeWitt e Yves Klein, sono alcuni degli artisti che hanno lasciato il loro personale segno in terra umbra, tracciando itinerari di arte contemporanea unici e affascinanti, che ora in occasione della mostra, sono riuniti e percorribili. Un’esposizione speciale che è un inno alla nostra amata regione e che sarà visitabile fino al 3 novembre.

5. Nella Chiesa monumentale di San Francesco a Gualdo Tadino, un’altra esposizione-evento, La stanza segreta. Capolavori della figurazione contemporanea dalla Collezione Massimo Caggiano” a cura di Vittorio Sgarbi e Cesare Biasini Selvaggi. La mostra raccoglie 70 opere di 40 artisti che rappresentano insieme un interessante spaccato sull’arte contemporanea italiana – e non solo-  degli ultimi 30 anni, tra pittura e scultura.Il collezionista salernitano ci apre la porta della sua stanza segreta e ci mostra un universo artistico ora per la prima volta accessibile al grande pubblico. Un’occasione da non perdere, fino al 27 ottobre.